fbpx

Le carte da parati hanno solitamente funzione di decorare “delicatamente” le parete, ma volendo si può anche andare contro corrente, usando i fotomurali in modo più particolare ottenendo un effetto unico nel suo genere, che esalti lo stile e la personalità di chi l’ha comprata. La geometria permette davvero ogni tipo di forma e tra l’altro si può trovare un effetto geometrico anche in altri tipi di fantasie.

Carta da parati geometrica con colori marroniLa geometria del legno bianco: modernità minimal e chic

Chi ha detto che una carta da parati geometrica è solamente quella creata apposta con rettangoli, cerchi e altre forme di questo tipo? Infatti, anche il legno posizionato a listelli è di fatto una fantasia geometrica, che a seconda dell’orientamento orizzontale o verticale dà subito sensazione di altezza o ampiezza della stanza.

La carta da parati effetto legno bianco è quindi ideale per ogni stanza, anche perché il colore così neutro ma al contempo elegante permette di abbinare tanti tipi di mobili, sia per creare contrasto grazie a delle tonalità più scure, sia per dare sensazione di continuità, quindi con mobili sempre dalle nuance chiare, magari beige, legno chiaro o bianco panna.

Per dare un tocco di originalità in più, poi, la carta da parati si può anche applicare sul soffitto, e non (solo) sulle pareti. Una texture come quella del legno bianco, oltre a dare luminosità alla stanza – quindi perfetta per ambienti di piccole dimensioni – cattura subito lo sguardo. Ancora, un tocco moderno e originale può essere dato dalla scelta di porre il fotomurale sulla porta, quindi creando una piccola nicchia e dando la sensazione di “entrare in un mondo nuovo”.

Geometrie indefinite

Altro tocco geometrico e moderno è dato dalle carte da parati dalle geometrie non meglio definite e che possono sembrare quasi caotiche. Ce ne sono di tutti tipi, e uniscono tantissime forme e dimensioni.  

Un esempio è una carta da parati sempre chiara, come quella vista in effetto legno bianco, con le geometrie sia rotonde che quadrate e rettangolari ad angoli smussati sottolineate come da delle macchie, come se in precedenza vi fossero applicati degli oggetti non puliti che hanno a loro modo lasciato il segno dando vita a una fantasia unica proprio perché nata dal caso.

Diverse le modalità di applicazione:

  • Spesso tale carta da parati può essere un residuo di un rotolo usato per altre stanze, che quindi potrebbe essere buttato. Ma sarebbe un errore, soprattutto perché fantasie di questo genere fanno del caso, dell’assenza di confini e bordi il loro punto di forza. Se ne possono quindi usare dei pezzi da applicare su parti di una parete, per creare dei piccoli quadri; o ritagliarne delle forme interessanti, come rombi o stelle, per andare a creare un effetto “geometria nella geometria”.
  • Applicazione sulla porta o su una parte di parete, per esaltare un angolo importante della stanza. Ad esempio, la carta da parati geometrica può fare da sfondo al salotto dove ci sono lampada, tavolino e poltroncina; o ancora essere sfondo della parte di parete in camera dove è posizionata la scrivania, rendendo meno noiosi i momenti di studio e lavoro.
  • O, ancora, si può decidere di usare quegli avanzi per rinnovare le scale. Infatti, la carta da parati può essere applicata sia sulla parete di fianco alle scale, sia sull’alzata dei gradini. In quest’ultimo caso, per proteggere il fotomurale dallo sporco e dalla perdita di colore, meglio applicarci uno strato di vernice trasparente in latex, che crea quindi uno smalto protettivo.

Mobile o parete?

La carta da parati geometrica, soprattutto che propone rettangoli o quadrati, è ottima anche per creare degli splendidi effetti ottici, per confondere la parate. Infatti, questi fotomurali dalle fantasie che ben evidenziano i bordi delle figure su di esse disegnate, si possono applicare su tutta la parete dove è presente una cabina armadio, o un armadio, senza però staccarla quando ci sono le porte o quando c’è il mobile: così facendo, da lontano non ci si accorgerà della presenza delle porte, o in caso di mobile, verrà come annullata la differenza di profondità tra l’armadio e la parete su cui appoggia.

La carta da parati geometrica così può dare una seconda vita ai mobili. Infatti, se l’effetto appena descritto per alcuni può essere too much, si può tornare al discorso di riciclare rotoli già usati di carta da parati, o ritagliare pezzi di fotomurale da applicare solo su alcune parti del mobile, come le ante, o i cassetti, o il piano d’appoggio dei comodini.

Una scelta utile per nascondere i segni di usura – come del resto avviene per le pareti – e per cambiare senza spese eccessive lo stile di tutto l’ambiente. La stessa idea vale anche per il tavolino del salotto, che così avrà una nuova texture (bisogna solo ricordarsi che, come per le scale, va anche qui coperta con vetro o plexiglas sia per dare lucentezza sia per proteggerla da macchie e usura).

O, ancora, per cambiare volto al letto, applicando la carta da parati geometrica sulla sua testata.

Un arredamento 100% moderno

Come visto, sono diverse le idee per uno stile moderno. Questo stile non è solamente bello, ma è anche utile per tutti i benefici fisici e non in grado di creare all’interno dell’ambiente:

  • Allarga visivamente lo spazio. La carta da parati geometrica, grazie proprio alle sue forme, è come se eliminasse le pareti, dando la percezione che la stanza e l’ambiente siano molto più grandi di quello che in realtà solo.
  • Evidenzia le zone funzionali, grazie alla possibilità di applicare colori e finiture diverse sullo stesso tipo di geometria e fantasia.
  • Dona luminosità, con i giusti colori. Come visto per la carta da parati effetto legno bianco, basta poco per rendere un ambiente molto luminoso. A questo si può aggiungere la scelta di lasciare le finestre prive di tende, in modo che la luminosità aumenti ulteriormente.
  • Sono molto eleganti. Con questi fotomurali è molto facile trovare lo stile giusto, perché si possono scegliere mobili e lampade di geometrie simili od opposte che creino dinamismo, quiete, tranquillità e serenità. E che ovviamente siano in linea con la personalità del proprietario di casa.

Questo permette di sottolineare come lo stile moderno e la carta da parati geometrica sia l’ideale non solo per la casa, ma anche per l’ufficio. Come visto, gli interni moderni sono caratterizzati da semplicità e minimalismo. Sono mobili essenziali, dalle linee molto semplici che si possono personalizzare con il giusto tocco di fantasia, e con qualche pezzo d’arredo dal design particolarmente originale.

Per far sì che mantenga il suo effetto di tranquillità, lo stile moderno e minimal evita di ammassare troppi oggetti e accessori, anche perché in questo caso la carta da parati geometrica per prima non riuscirebbe ad esaltarli e, anzi, non risalterebbe lei stessa nella sua elegante fantasia.