Arancione Hermès, verde Bottega Veneta, rosso Valentino (ma adesso più rosa!), azzurro Tiffany, greige Armani.

L’elenco potrebbe continuare all’infinito, perché il potere del colore è rappresentare in un attimo un vero e proprio universo, come quello dei marchi più conosciuti, capace di incarnare valori, immagini e intenzioni.

I cosiddetti fashion tones sono solo un esempio del grande potere di colori e sfumature, basti pensare all’impazzare dell’armocromia, ovvero l’analisi del colore ad opera di consulenti d’immagine per individuare la propria “stagione” e di conseguenza i colori, in termini di guardaroba e make-up, che premiano l’aspetto personale.

Il potere estetico e funzionale del colore si esprime al meglio nell’interior design e, con l’utilizzo di qualche semplice regola, si possono creare spazi equilibrati, belli da vedere e da vivere.

Per capire come abbinare al meglio i colori e, di conseguenza, scegliere la carta da parati, abbiamo coinvolto un’esperta di marketing, design e mondo immobiliare, appassionata di colore, che ci ha dato qualche dritta su come creare accostamenti cromatici in linea con i nostri spazi e gusti.

Giglia da più di quindici anni si occupa di marketing, comunicazione e design. È consulente di una multinazionale con sede a Dubai per lo sviluppo prodotto nel settore arredo casa, inoltre, lavora con le agenzie immobiliari per gestire la loro comunicazione social, presentare al meglio le case in vendita e, soprattutto, facendo crescere il loro brand.

“Amo le cose fatte con gusto, non mi piacciono le persone che si accontentano. Amo il colore, che è il mio strumento guida, oltre ad essere un mezzo di comunicazione potentissimo. Penso che la casa sia un luogo che merita rispetto, uno spazio che deve rappresentarci e rispecchiare la nostra personalità”,

afferma Giglia a cui abbiamo chiesto qualche consiglio su come utilizzare al meglio il colore e il suo potere comunicativo e funzionale

Giglia at work

Abbinamenti cromatici in casa: da dove partire?

Tendenzialmente le persone hanno difficoltà a usare colori in casa perché pensano di stancarsi nel corso del tempo, quindi, optano per il bianco o per colori molto neutri. Se ci pensiamo bene, quando la mattina scegliamo l’abbinamento dei colori del nostro abbigliamento, stiamo comunicando qualcosa di noi e perciò dedichiamo diverso tempo ad abbinare, ad esempio, la giacca e i pantaloni nei toni giusti. Stessa cosa dovremmo fare per la nostra casa.

Il colore è un’intenzione.

È una componente importante quando si arreda casa, che può radicalmente cambiarne l’aspetto.

La regola che vi propongo è abbastanza standard perché rappresenta una soluzione che può adattarsi alla maggioranza delle abitazioni. In linea generale, è importante tenere presente:

1 – Lo stile che volete dare alla vostra casa. Contemporaneo, scandinavo, industriale, boho,…? Ogni stile ha i suoi colori.

2- Colore e materiale del pavimento. Se, ad esempio, avete un pavimento in cotto (quindi su tonalità calde) vi sconsiglio di pitturare le pareti rosa o verdi.

3- Il colore degli infissi e delle porte (che tra l’altro si possono anche colorare ad hoc). Potrei aprire un intero capitolo a riguardo. Le porte bianche, ad esempio, donano tanta luce e riescono a ridare vita a un ambiente un po’ datato.

4- La luce. È un elemento fondamentale da tenere in considerazione. Se nei vostri interni avete poca luce non conviene scegliere solo colori scuri per tutta la casa (anche se io sono una fan di questi e potrei scrivere un libro solo su questo argomento!).

Colore e interior design: che regole seguire? Come trovare un equilibrio?

Come nella moda anche nell’interior design ci sono delle tendenze che cambiano negli anni, così come mutano gli stili. Anni fa andava di moda lo stile shabby, quasi total white e che ora è sorpassato, di conseguenza anche i colori per la casa sono evoluti. Non possiamo certo seguire le tendenze anno dopo anno, il mio consiglio, come detto sopra, è di partire dallo stile della propria casa.

Carta da parati e colore: ci puoi dare tre consigli per scegliere quella giusta?

In passato le pareti di una stanza venivano tappezzate completamente. Oggi si preferisce soltanto coprire una parete, lasciando la pittura sulle altre tre. Addirittura, si può rivestire anche una sola parte della parete stessa, cercando di giocare sul colore e sulla fantasia da abbinare.

Il verde che proponete in questa carta è il colore della natura e perciò della vitalità. Utilizzate le tonalità chiare del verde per non appesantire gli spazi e dare un tocco naturale, allegro e conviviale. Il verde è uno dei colori protagonisti di quest’anno e lo sarà ancora perché abbiamo un radicato bisogno di collegarci con la natura. Quindi via libera a tutte le tonalità del salvia e del verde bosco”.Giglia

Ci sono tantissime carte tra cui scegliere, il mio consiglio è di:

1- Legarla allo stile della casa. Se abbiamo scelto uno stile industriale non metterei una carta in stile jungle, ad esempio.

2- Scegliere prima la carta poi il colore per le pareti da abbinarci, richiamando uno dei colori presenti nella grafica. Si può seguire la proporzione 60-30-10:

• il 60% dello spazio occupato dal colore principale;

• il 30% dello spazio occupato dal colore secondario;

• il 10% dello spazio occupato dal colore di accento, quello che dà il tocco originale.

3- Scegliere carte di qualità sia come supporto che come grafica. Ci sono tanti tipi di carte da parati in commercio e vale la pena scegliere un supporto che duri nel tempo e che abbia una resa estetica di valore.

Che ruolo ha la carta da parati per migliorare l’ambiente?

È un elemento che svolta completamente la decorazione di uno spazio e lo fa in maniera radicale. Le carte trasformano, vivacizzano nicchie e porzioni di pareti anonime, creando interessanti punti focali. Nelle case piccole o negli ambienti open space, applicare una carta da parati moderna è una soluzione utile a scandire il ritmo e le funzioni degli spazi. In camera, ad esempio, la parete migliore è quella dietro al letto: l’effetto décor è assicurato ma non ci stanca la vista. Io amo anche i soffitti rivestiti di carta da parati!

Ecco qualche consiglio su come abbinare al meglio colore e carta da parati, per rendere unici e personalizzati i tuoi interni. Da parte nostra offriamo un servizio di rendering che ti permette di capire come sarà la carta da parati che hai scelto nell’ambiente che vuoi decorare, con la luce reale che è presente nel tuo spazio, per un’effettiva resa estetica. Il servizio comprende inoltre la possibilità di avere alternative grafiche e fare modifiche ad hoc, tarate sulle tue esigenze.